• Pasta Fresca a Bra, Bra-città natale di Slowfood, dove standard di qualità è eccelsa

    La genuinità delle ricette artigianali

    I prodotti alimentari che è possibile acquistare nei supermercati presentano senza dubbio tutti i requisiti qualitativi e nutrizionali adatti ad una alimentazione corretta, ma a volte i palati più raffinati ricercano quel qualcosa in più che, di fatto, è possibile trovare solo nelle lavorazioni artigianali. Le circostanze della vita di tutti i giorni, nonché i ritmi lavorativi moderni, però, non consentono quasi più di prendersi del tempo per rimanere in casa, preparare gli ingredienti, e stendere la pasta secondo le antiche usanze artigianali, proprie di quella cultura puramente italiana amata in tutto il mondo. La preparazione della pasta, infatti, rientra nell’ ambito di quelle lavorazioni che richiedono un certo tempo per essere effettuate, e che presuppongono ritmi e gesti estremamente più lenti, ragionati e compassati di quelli cui si è abituati oggigiorno. La sapienza delle nonne, che stendevano sfoglie di pasta per mariti, figli e nipoti, fa tornare alla mente immagini di una realtà che oramai è sul punto di scomparire, e che sopravvive solo nei contesti più lontani dalle città, distanti dalle esigenze produttive incessanti delle grandi aziende industriali.

  • >

    >

    In un’epoca in cui il piacere della lavorazione lenta e compassata, dunque, sta quasi scomparendo, ecco che la vendita di pasta fresca realizzata in maniera tradizionale e artigianale può far tornare in mente i sapori di un tempo; questo elemento può costituire il punto di partenza per un viaggio che fa riaffiorare la lentezza delle domeniche passate nella casa dei propri nonni, e il proprio rapporto con la natura e la terra, un tempo più selvagge e in ogni caso meno contaminate dalla mano dell’uomo.


    Gustare un piatto proprio della tradizione non vuol dire solo nutrirsi in maniera sana e responsabile, significa anche riscoprire, in un solo boccone, i ricordi ed i valori di una vita passata, della propria infanzia, della giovinezza dei propri genitori, della libertà di un mondo che di tanto in tanto fatica a riconoscersi nelle vicissitudini moderne. Si tratta di esperienze che solo il cibo di qualità, preparato con amore e secondo l’antico sapere artigianale, può dare: una ricchezza di cui nessuno dovrebbe fare a meno, e di cui oggi è possibile godere grazie alle lavorazioni dell’azienda Pasta Fresca - Gastronomia Corino.

  • Le tipologie di pasta fresca

    La pasta fresca preparata secondo le ricette tradizionali presenta caratteristiche e proprietà che la rendono unica, leggera e digeribile, rapida nella cottura ed abbinabile agli ingredienti più svariati. L’acquisto di pasta fresca a Bra, allora, è possibile presso l’azienda Pasta Fresca - Gastronomia Corino, che produce pasta fresca a prodotti gastronomici da più di 50 anni. L’impiego di farine di qualità e di uova provenienti da galline allevate nel territorio da aziende locali, garantisce il sapore unico e genuino delle lavorazioni, e la loro salubrità dal punto di vista puramente nutrizionale. L’attività, a conduzione familiare, crea e commercia svariati tipi di produzioni, tra cui spiccano i vari tipi di pasta fresca. Nel punto vendita di Bra, infatti, è possibile acquistare e ammirare la realizzazione di prodotti dal richiamo universale come tortellini, panzerotti, ravioli, gnocchi di patate e cinque tipi di tagliarini. Il ripieno di queste pietanze prevede la presenza di manzo piemontese, spinaci, e combinazioni classiche comprendenti parmigiano e uova, oppure ricotta e spinaci, oltre che ricotta e asparagi. Sono presenti anche prodotti tipici della tradizione piemontese: tra questi spiccano i tajarin e i ravioli del plin.

  • >

    >

    I primi costituiscono una particolare tipologia di pasta all’uovo, che per dimensioni e lunghezza si pone a metà tra i capellini, più sottili e affusolati, e le tagliatelle, di norma più larghe e ruvide. Il risultato della lavorazione, composta da uova, sale, e semola di grano duro (o farina 00 e Manitoba), è un composto che viene lavorato fino a dare una forma e una dimensione simile a quella dei comuni spaghetti, con un limite: lo spessore, infatti, deve essere inferiore al millimetro. I tajarin, nella cucina tipica piemontese, hanno radici secolari e trovano posto nelle lavorazioni culinarie del quindicesimo secolo tipiche soprattutto delle Langhe, area oggi corrispondente a parte dei territori di Asti e di Cuneo. Ancora oggi, allora, questo formato di pasta è protagonista di differenti piatti e pietanze, e si caratterizza per una cottura estremamente rapida e veloce. Questo particolare tipo di pietanza, allora, è conosciuta per piatti come i tajarin al tartufo bianco oppure i tajarin alla Langarola, ovvero un ragù di manzo.

  • I ravioli del plinI ravioli del plin

    I ravioli del plin

    Una delle numerose altre lavorazioni artigianali tipiche della tavola piemontese, disponibili presso l’azienda Pasta Fresca - Gastronomia Corino, è costituita dai ravioli del plin. Si tratta di un tipo di pasta fresca ripiena di carne e verdure, anch’essa originaria delle Langhe, ma anche del Monferrato e del Roero. Nello specifico, i ravioli del plin si presentano come una sorta di agnolotti, oppure di ravioli, da cui però differiscono a causa delle dimensioni inferiori e dalla forma. Il particolare nome che presentano deriva dal dialetto piemontese, laddove “plin” significa pizzicotto, termine che richiama il peculiare gesto necessario alla chiusura dei singoli ravioli attorno al ripieno. 


    Grazie a questa operazione, la farcitura non fuoriesce dal raviolo durante la fase di cottura e la pasta riesce a trattenere in maniera migliore il sugo, proprio il condimento dei ravioli del plin rappresenta numerose varianti: il ripieno, ad esempio, può essere realizzato con carni stufate di vitello, maiale e coniglio, e verdure come cipolle, sedano, carote, e ancora spinaci e scarola e riso e cois(cavoli). Da ciò si comprende come si tratti di un piatto che incarna pienamente lo spirito dei tempi passati, che non ammetteva alcuno spreco di cibo il quale, una volta avanzato da un primo pasto, veniva riutilizzato in più lavorazioni e ricette. I condimenti dei ravioli del plin, invece, possono prevedere sughi di carni e verdure, ricette comprendenti burro, salvia e parmigiano, oppure ancora burro fuso e tartufo bianco e sugo d'arrosto. 


    L’acquisto di pasta fresca a Bra , dunque, si configura come un viaggio nei sapori e nelle tradizioni delle Langhe e di tutto il Piemonte, da effettuare in compagnia di Pasta Fresca - Gastronomia Corino.